Sharing is caring: la Sharing economy in Italia

In questi giorni, in Italia, si sta parlando molto di sharing economy. Ciò è dovuto al fatto che il 3 maggio ha iniziato il suo iter alla Camera la proposta di legge bipartisan 3564 “Disciplina delle piattaforme digitali per la condivisione di beni e servizi e disposizioni per la promozione dell’economia della condivisione”.
Il testo, che ha come obiettivo quello di regolamentare questo settore, sarà in consultazione fino al 31 maggio e potrà ricevere spunti e suggerimenti dagli utenti online. L’Italia anticipa di fatto l’Unione Europea che ha invece rimandato a giugno la pubblicazione delle “Linee guida sulla sharing economy”.

MA COS’È LA SHARING ECONOMY?

La sharing economy, letteralmente economia della condivisione, è l’economia 2.0 che si regge sul principio della condivisione sociale, promuovendo forme di consumo più consapevoli basate sul riuso invece che sull’acquisto.

Alla base di tutto c’è sempre una piattaforma digitale che rende possibile, immediato ma soprattutto semplice il contatto tra sconosciuti, anche molto distanti fra loro e ciò nonostante caratterizzati da una relazione orizzontale tra pari (peer-to- peer). Ciò che determina il successo di un’economia del genere è senza dubbio la sua community e quindi la capacità che ha l’azienda di mettere insieme persone con gli stessi problemi ma anche con gli stessi interessi.

Si tratta di un nuovo modo di fare impresa dal basso, in cui il consumatore è soggetto attivo e passivo dello stesso mercato e dove il guadagno passa in secondo piano rispetto al fare rete e al condividere esperienze.

Oramai questo tipo di economia tocca ogni aspetto del nostro quotidiano: dalla condivisione di passaggi auto a quella di intere case fino alle proposte di baby-sitter, dog-sitter o chef che trasformano la propria abitazione in ristoranti per un giorno.

sharing-economy-firenzeLa condivisione e il fare rete sono i punti cardine anche della realtà del coworking, di cui Smart Hub a Firenze è un esempio perfetto; con le sue numerose postazioni di lavoro e i suoi funzionali uffici, è un luogo di incontro e scambio di esperienze e consigli tra freelance e startup di vario tipo che oltre ad ammortizzare i costi, hanno la possibilità di ampliare le proprie conoscenze e costruire vere e proprie collaborazioni.

Smart Hub ti aspetta in via Quintino Sella 6/A per un giorno di prova nei suoi spazi.

E ricorda: sharing is caring!