Lavora in coworking, ti finanzia la Regione!

Il giorno mercoledì 28 giugno alle ore 17.30 Smart Hub – Via Quintino Sella, 6, 50136 Firenze – presenterà nel dettaglio il nuovo bando della Regione Toscana, che all’interno del progetto GiovaniSì, offre la possibilità ai liberi professionisti di ottenere un voucher per il rimborso delle spese lavorative all’interno di un coworking.

Il bando rappresenta l’occasione per entrare a far parte del network di Smart Hub, di affittare a costo zero una postazione dove svolgere il proprio lavoro autonomamente, avendo al tempo stesso a disposizione tutti i comfort e le prospettive di un luogo condiviso, versatile e all’avanguardia.

Durante l’evento, sarà offerta consulenza gratuita agli interessati per fugare qualsiasi dubbio e per avere un sostegno nella compilazione della domanda. Smart Hub aveva già sostenuto la partecipazione e ottenuto l’approvazione di tutti i progetti presentati nel 2014, per questo mette la sua esperienza a disposizione.

L’evento sarà anche un open day per conoscere da vicino lo spazio, ciò che offre, chi ci lavora… tutti i vantaggi dell’essere un coworker a Smart Hub.

Ve lo avevamo già anticipato nel nostro precedente articolo, per fare maggiore chiarezza ecco intanto una sintesi dei dettagli appena resi noti.

  1. Per partecipare al bando è necessario:
  • avere un’età compresa tra i 18 e i 40 anni (non ci sono limiti d’età per persone con disabilità)
  • essere residenti e/o domiciliati in Toscana
  • essere titolari di Partita IVA da non più di 36 mesi dalla data di presentazione della domanda.

 

  1. I voucher:
  • coprono le spese di utilizzo di un coworking per un minimo di 6 mesi e un massimo di 12
  • possono coprire eventuali spese di assicurazione (per attrezzature)
  • possono rimborsare eventuali spese di viaggio, vitto e alloggio per svolgere l’attività in un altro coworking in Italia o all’interno della UE
  • hanno un importo massimo di €4.000, fino a €3.000 per l’affitto della postazione del coworking, fino a €500 per l’assicurazione e fino a €500 per lo spostamento in un coworking italiano o europeo.

 

  1. Le domande per i voucher devono essere presentate in via telematica dal 1° al 31 luglio 2017.

 

  1. I progetti di lavoro presentati devono essere di qualità, chiari, finanziariamente sostenibili.

Vi segnaliamo inoltre che, sempre all’interno di GiovaniSì, la Regione dà la possibilità di ottenere rimborsi sull’attività formativa. Rimanere aggiornati è un monito della società attuale, ma molto spesso i costi sono troppo onerosi. Per questo la Regione Toscana ha deciso di aiutare economicamente i giovani professionisti che vogliono portare avanti la loro crescita professionale. Partecipando a questo bando è infatti possibile ottenere un rimborso parziale o totale dei costi – da un minimo di €200 a un massimo di €2.500 – per corsi di formazione e aggiornamento e master di I e II livello di agenzie formative o provider accreditati dalla Regione, oppure organizzati da ordini professionali, università e scuole di alta formazione.

Un altro supporto economico per i lavoratori autonomi under40 viene dal Fondo per giovani professionisti. Questo fondo, creato sempre dalla Regione Toscana, offre la possibilità di ottenere prestiti per l’avvio e lo sviluppo di studi professionali, per l’acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologici, per l’acquisizione di strumenti informatici e anche per finanziare progetti innovativi fino a un massimo di €100.000.

Seguite i nostri consigli, perché l’impegno può essere concretamente premiato. Tutti i giovani professionisti interessati sono invitati all’open day informativo. Vi aspettiamo, Be Smart!