Bitcoin: la rivoluzione monetaria 2.0 e Smart Hub

Chi non vorrebbe un mondo senza banche, senza contanti, dove le transazioni finanziarie avvengono senza loschi interessi di arcane super potenze e in modo trasparente tra pari cittadini? Per questo, è giunto il momento di conoscere Bitcoin attraverso Smart Hub. Bitcoin è sia una nuova rete di pagamento che una moneta virtuale.

Sorprendente rivoluzione che ha preso vita nel 2008 grazie al leggendario Satoshi Nakamoto, promotore ed effettivo creatore di quella cryptocurrency che fu ventilata per la prima volta nel 1998 da Wei Dai nella mailing list cypherpunkproposte.

Nel 2010 Satoshi Nakamoto si è defilato senza mai rivelare la sua vera identità, ma Bitcoin si è affermata ed espansa in modo esponenziale attraverso il contributo paritetico di innumerevoli sviluppatori e promotori.

Paritetico sì, perché Bitcoin è principalmente una open source che funziona attraverso transazioni peer-to-peer.

Vediamo quindi di fare chiarezza evidenziando in 5 punti il significato e il notevole potere innovativo di Bitcoin:

  1. Bitcoin significa letteralmente “moneta di bit” ed è infatti la prima moneta digitale che sia mai stata creata, un denaro virtuale le cui transazioni avvengono tramite una app per smatphone o tablet, oppure tramite un programma per computer.

  2. I bitcoin sono dislocati ovunque su internet, senza che vi sia un organismo centrale che li controlli, senza banche o camere di compensazione a cui dover render conto e pagare commissioni per le proprie transazioni e senza istituzioni (come è invece ad esempio la BCE per l’euro) che ne influenzino il valore con le loro politiche monetarie.

  3. Gli scambi di bitcoin avvengono grazie ad un sistema dislocato in tutto il mondo fatto di computer e server tra loro indipendenti, da persona a persona, direttamente e senza intermediari come avveniva sui siti in cui si scaricavano gli mp3, uno su tutti Napster. È semplice: io ti do i miei bitcoin e in cambio ricevo un servizio, un oggetto materiale… qualsiasi cosa desideri che chiunque, se fa parte della rete, può darmi.

  4. Chi entra a far parte della rete Bitcoin, come privato cittadino o come azienda, apre un intangibile ma di fatto esistente portafoglio virtuale per accedere ai propri bitcoin e poterli utilizzare. Basta un click, come per l’invio di una e-mail, e il pagamento in 10 minuti al massimo è fatto.

  5. 10 minuti al massimo perché anche Bitcoin, sebbene sia un sistema paritetico e autogestito, ha al suo interno i cosiddetti miners, soggetti tra loro indipendenti che processano e garantiscono la validità delle transazioni creando una blockchain, ovvero un registro trasparente e pubblicamente visibile di tutte le transazioni valide avvenute su Bitcoin, garanzia dunque di sicurezza protetta da crittografia, che garantisce invece la privacy

Aspetti di incertezza ovviamente ci sono, perché i bitcoin hanno un valore molto volatile (ad es. un anno fa 1 bitcoin valeva €100, oggi ne vale €850 e domani potrebbe valerne un milione come zero), potrebbero anche intervenire i governi dei singoli stati per vietarne la diffusione e, inoltre, il portafoglio virtuale di bitcoin non è sicuro al 100% così come non lo è un portafoglio concreto nella nostra tasca.

Detto questo, Bitcoin è comunque l’innovazione monetaria 2.0, la nuova frontiera del virtuale che ha un potenziale estremo perché è: decentralizzata e dunque senza interferenze dall’alto, globale (tanto da poter auspicare un utopico mondo di soli bitcoin che azzerino le ataviche leggi di mercato nonché i pericolosi giochi di potere tra valute statali), immediata e con costi bassissimi o assenti per le transazioni, trasparente e protetta al tempo stesso da anonimato, in mano ai cittadini e non alle élite finanziarie.

Dai colossi WordPress o Reddit ai piccoli negozi, è in forte crescita il numero di aziende che accettano bitcoin in tutto il mondo (dall’Europa all’Asia, dalle Americhe al Giappone e all’India). Fra i pochi presenti in Italia, a Firenze, c’è proprio il coworking Smart Hub.

Smart Hub permette di affittare uno spazio di lavoro o acquistare uno dei suoi servizi con questa innovativa moneta virtuale o semplicemente supportare chiunque voglia entrare in contatto con questa nuova realtà, per essere promotore e sostenitore di un positivo cambiamento globale, sempre all’insegna del motto Be Smart!